Vai al contenuto

CONTAGLOBULI REAGENTI

Anche nell’antichità, il sangue era riconosciuto come un fluido corporeo singolare che era l’essenza della vita, in possesso di proprietà misteriose che fornivano sostentamento per la sopravvivenza umana. La rivelazione di quelle proprietà misteriose è diventato possibile solo quando il sangue è stato caratterizzato secondo l’aspetto e il numero dei componenti del suo particolatoi. Questi passaggi critici comprendevano, in primo luogo, lo sviluppo di microscopia, consentendo la visualizzazione dei compoenti delle cellule del sangue, e successivamente progressi sono stati resi possibili attraverso le tecniche per misurare le proprietà fisiche degli elementi che formano il sangue così come i mezzi elettronici per catturare le informazioni.

immagine descrittiva pagina ematologia, toa sysmex, xt2000, xt1800, xe2100

TOA SYSMEX XT, XE, XS

Reagenti originali e compatibili

Lo sviluppo del microscopio ottico in ematologia, ha reso possibile visualizzare le cellule umane dell’individuo e vegetali, nonché batteri. Anche il microscopio più semplice sviluppato da Van Leeuwenhoek più di 300 anni fa ha permesso l’osservazione del fatto che il sangue è composto da piccoli globuli rossi, e la loro dimensione fu infine determinata. Progressivi sviluppi nei successivi 2 secoli seguirono nella microscopia ottica, come ad es come l’aggiunta di un oculare per formare un microscopio composto e una migliore ottica, comprese le lenti dell’obiettivo comprendenti diverse lenti per correggere le distorsioni. L’applicazione di coloranti da parte di Paul Ehrlich alla fine degli anni 1870 permise, per la prima volta, differenziazione tra diversi tipi di globuli bianchi. 

Ormai era evidente che il numero di cellule del sangue cambia in molte malattie e quindi è diventato chiaro che era importante quantificare più accuratamente il numero di cellule facendo un prelievo di sangue. Furono introdotte laboriose misurazioni manuali in cui il volume misurato I volumi di sangue sono stati posti su una camera per vetrini calibrata e le cellule sono state contate uno per uno, il numero totale viene calcolato dal volume e dalla geometria noti della camera. 

Anche se ancora in pratica oggi per la sua semplicità,  il conteggio manuale delle cellule è soggetto a grandi errori ed è sia dispendioso in termini di tempo che di lavoro sitivo. In ematologia i metodi automatizzati per il conteggio delle cellule del sangue sono diventati una necessità e l’ingegnerizzazione ha iniziato a collaborare con gli ematologi per trovare soluzioni a questo problema. Nel corso dei decenni successivi, i citometri basati sul flusso che utilizzano la luce, la misurazione dell’impedenziometria, o entrambi, sono stati sviluppati. Questi dispositivi fornivano un gran numero di parametri eteri relativi all’enumerazione e all’identificazione degli elementi del sangue, compresi gli eritrociti (globuli rossi [RBC]), leucociti (globuli bianchi [WBC]) e trombociti (piastrine) e differenziando i vari sottotipi di leucociti. 

Inoltre, con il riconoscimento che le differenze qualitative nell’aspetto dei globuli rossi relative alla loro dimensione, forma e grado di emoglobinizzazione connotavano alcuni tipi di anemia, il capacità di misurare simultaneamente e indipendentemente la concentrazione di emoglobina e ematocrito (o volume di cellule impaccate), insieme alla conta dei globuli rossi, forniti Maxwell Wintrobe 3–5 con gli strumenti per promulgare una serie di indici di globuli rossi che incluso il volume corpuscolare medio, l’emoglobina corpuscolare media e la media concentrazione di emoglobina corpuscolare. 

Questo sviluppo ha permesso la morfologia classificazione delle anemie in sottotipi a seconda che siano microcitiche, normo- citico o macrocitico; e l’attività ipocromica, normocromica o anche ipercromica in base al grado di emoglobinizzazione. Successivamente, è diventato anche possibile quantificare la distribuzione delle dimensioni delle popolazioni di globuli rossi, espressa come distribuzione dei globuli rossi larghezza di zione, consentendo così un’ulteriore distinzione in omogeneo ed eterogeneo categorie all’interno di ciascun sottotipo morfologico..